Hotel Goldener Stern Abtenau

Condizioni Generali di Contratto

Condizioni di contratto alberghiero: Hotel Goldener Stern - Abtenau

Termini e condizioni generali per il settore alberghiero 2006 (CGC 2006) Versione del 15.11.2006 novembre XNUMX

§ ambito 1

1.1 Le presenti condizioni generali per il settore alberghiero (di seguito denominate "AGBH 2006") sostituiscono le precedenti ÖHVB nella versione del 23 settembre 1981.
1.2 L'AGBH 2006 non esclude accordi speciali. Le AGBH 2006 sono sussidiarie ad accordi individuali.

§ Definizioni 2

2.1 Definizione dei termini:
"Proprietario": è una persona fisica o giuridica che accoglie gli ospiti a pagamento.
"Ospite": è una persona fisica che utilizza l'alloggio. Di norma, l'ospite è anche il partner contrattuale. Sono ospiti anche le persone che viaggiano con il partner contrattuale (es. familiari, amici, ecc.).
"Partner contrattuale": è una persona fisica o giuridica in Germania o all'estero che stipula un contratto di alloggio come ospite o per un ospite.
"Consumatore" e "Imprenditore": i termini devono essere intesi nel senso del Consumer Protection Act 1979 e successive modifiche.
"Contratto di alloggio": è il contratto concluso tra l'albergatore e il partner contrattuale, il cui contenuto è disciplinato più dettagliatamente di seguito.

§ Contratto 3 - deposito

3.1 Il contratto di alloggio viene stipulato quando l'albergatore accetta l'ordine del partner contrattuale. Le dichiarazioni elettroniche si considerano ricevute se la parte a cui sono destinate può richiamarle in circostanze normali e l'accesso avviene durante l'orario di lavoro annunciato dell'albergatore.
3.2 L'albergatore ha il diritto di concludere il contratto di alloggio a condizione che il partner contrattuale paghi una caparra. In questo caso, l'albergatore è tenuto a informare il partner contrattuale dell'acconto richiesto prima di accettare l'ordine scritto o verbale del partner contrattuale. Se il partner contrattuale accetta l'acconto (per iscritto o verbalmente), il contratto di alloggio è concluso al ricevimento della dichiarazione di consenso per il partner contrattuale a versare l'acconto all'albergatore.
3.3 Il partner contrattuale è tenuto a versare l'acconto entro e non oltre 7 giorni (ricevuto) prima dell'alloggio. Il partner contrattuale sostiene i costi per la transazione di denaro (ad es. spese di trasferimento). Per le carte di credito e di debito si applicano le rispettive condizioni dell'istituto di emissione della carta.
3.4 La caparra è un pagamento parziale del corrispettivo pattuito.

§ 4 Inizio e fine dell'alloggio

4.1 A meno che l'albergatore non offra un orario diverso per il trasloco, il partner contrattuale ha il diritto di trasferirsi nelle stanze affittate a partire dalle ore 16.00 del giorno concordato ("giorno di arrivo").
4.2 Se una camera viene utilizzata per la prima volta prima delle ore 6.00, la notte precedente vale come primo pernottamento.
4.3 Le stanze affittate devono essere liberate dal partner contrattuale entro le ore 12.00 del giorno di partenza. L'albergatore ha il diritto di fatturare un giorno aggiuntivo se le camere affittate non vengono liberate in tempo.

§ Ritiro 5 dal contratto di alloggio - tassa di cancellazione

Dimissioni dell'albergatore
5.1 Se il contratto di alloggio prevede un acconto e il partner contrattuale non ha versato l'anticipo in tempo, l'albergatore può recedere dal contratto di alloggio senza un periodo di grazia.
5.2 Se l'ospite non si presenta entro le 18.00:XNUMX del giorno di arrivo concordato, non vi è alcun obbligo di fornire alloggio, a meno che non sia stato concordato un orario di arrivo successivo.
5.3 Tuttavia, se il partner contrattuale ha versato un acconto (vedi 3.3), le camere rimarranno prenotate fino alle ore 12.00:18 del giorno successivo alla data di arrivo concordata. In caso di pagamento anticipato superiore a quattro giorni, l'obbligo di fornire alloggio termina alle ore XNUMX del quarto giorno, conteggiando il giorno di arrivo come primo giorno, a meno che l'ospite non annunci un giorno di arrivo successivo.
5.4 Fino a 3 mesi prima della data di arrivo concordata del partner contrattuale, il contratto di alloggio può essere annullato dall'albergatore per motivi oggettivamente giustificati, salvo diverso accordo, mediante dichiarazione unilaterale.

Recesso da parte del partner contrattuale - penale
5.5 Al massimo fino a 3 mesi prima della data di arrivo concordata dell'ospite, il contratto di alloggio può essere rescisso senza pagare una penale di annullamento mediante una dichiarazione unilaterale del partner contrattuale.
5.6 Al di fuori dell'ambito del § 5.5. Il recesso tramite dichiarazione unilaterale del partner contrattuale è possibile solo con le seguenti spese di annullamento:
- fino a 1 mese prima del giorno di arrivo 40% del prezzo totale della sistemazione;
- fino a 1 settimana prima del giorno di arrivo 70% del prezzo totale della sistemazione;
- nell'ultima settimana prima del giorno di arrivo il 90% del prezzo totale della sistemazione.
nessuna penale di cancellazione fino a 3 mesi
da 3 mesi a 1 mese 40%
da 1 mese a 1 settimana 70%
Nell'ultima settimana 90%

Disabilità all'arrivo
5.7 Se il partner contrattuale non può presentarsi presso la struttura ricettiva il giorno dell'arrivo perché circostanze eccezionali imprevedibili (ad es. nevicate estreme, inondazioni, ecc.) rendono impossibile tutte le opzioni di viaggio, il partner contrattuale non è obbligato a pagare la tariffa concordata per i giorni di arrivo.
5.8 L'obbligo al pagamento del corrispettivo per il soggiorno prenotato riprende vita dal momento dell'arrivo se l'arrivo è nuovamente possibile entro tre giorni.

§ 6 Fornitura di un alloggio sostitutivo

6.1 L'albergatore può fornire al partner contrattuale o agli ospiti un alloggio sostitutivo adeguato (della stessa qualità) se ciò è ragionevole per il partner contrattuale, in particolare se la deviazione è insignificante e obiettivamente giustificata.
6.2 Viene fornita una giustificazione oggettiva, ad esempio, se la/le camera/e sono diventate inutilizzabili, gli ospiti che sono già stati ospitati prolungano il soggiorno, si verifica un overbooking o altre importanti misure operative richiedono questo passaggio.
6.3 Eventuali spese aggiuntive per l'alloggio sostitutivo sono a carico dell'albergatore.

§ Diritti 7 della parte contraente

7.1 Con la conclusione di un contratto di alloggio, il partner contrattuale acquisisce il diritto al normale utilizzo dei locali affittati, delle strutture della struttura ricettiva normalmente accessibili agli ospiti per l'uso senza condizioni particolari e al normale servizio. Il partner contrattuale deve esercitare i suoi diritti in conformità con le linee guida dell'hotel e/o dell'ospite (regole della casa).

§ 8 Obblighi della parte contraente

8.1 Il partner contrattuale è obbligato a pagare la tariffa concordata al più tardi al momento della partenza più eventuali importi aggiuntivi derivanti dall'utilizzo separato dei servizi da parte sua e/o degli ospiti che lo accompagnano più l'imposta legale sulle vendite.
8.2 L'albergatore non è obbligato ad accettare valute estere. Se l'albergatore accetta valute estere, queste saranno accettate come parte del pagamento al tasso corrente, se possibile. Se l'albergatore accetta valute estere o mezzi di pagamento senza contanti, il partner contrattuale si fa carico di tutti i relativi costi, come richieste con società di carte di credito, telegrammi, ecc.
8.3 Il partner contrattuale è responsabile nei confronti dell'albergatore per eventuali danni causati da lui o dall'ospite o da altre persone che accettano servizi dall'albergatore con la conoscenza o la volontà del partner contrattuale.

§ Diritti 9 del fornitore di alloggi

9.1 Se il partner contrattuale rifiuta di pagare la tariffa pattuita o è in ritardo, l'albergatore ha diritto al diritto di ritenzione ai sensi del § 970c ABGB e al diritto di pegno ai sensi del § 1101 ABGB sugli oggetti portati da il partner contrattuale o l'ospite. Anche l'albergatore ha diritto a questo diritto di ritenzione o pegno per garantire i suoi crediti derivanti dal contratto di alloggio, in particolare per i pasti, altre spese sostenute per il partner contrattuale e per eventuali richieste di risarcimento di qualsiasi tipo.
9.2 Se il servizio viene richiesto nella camera del partner contrattuale o in orari insoliti della giornata (dopo le 20,00:6,00 e prima delle XNUMX:XNUMX), l'albergatore ha il diritto di richiedere una tariffa speciale. Tuttavia, questa tariffa speciale deve essere indicata sul tabellone del prezzo della camera. L'albergatore può anche rifiutare questi servizi per motivi operativi.
9.3 L'albergatore ha il diritto di fatturare o fatturare provvisoriamente i suoi servizi in qualsiasi momento.

§ Obblighi 10 del fornitore di alloggi

10.1 L'albergatore è obbligato a fornire i servizi concordati nella misura corrispondente al suo standard.
10.2 I servizi speciali dell'albergatore che sono soggetti a etichettatura e che non sono inclusi nel prezzo dell'alloggio includono: a) Servizi speciali di alloggio che possono essere fatturati separatamente, come la fornitura di saloni, sauna, piscina coperta, piscina, solarium, garage, ecc.; b) Per la fornitura di letti aggiuntivi o culle verrà addebitato un prezzo ridotto.

§ 11 Responsabilità del fornitore di alloggi per danni agli oggetti portati

11.1 L'albergatore è responsabile ai sensi dei §§ 970 ff ABGB per gli oggetti portati dal partner contrattuale. L'albergatore è responsabile solo se gli oggetti vengono consegnati all'albergatore o a persone autorizzate dall'albergatore o se sono stati portati in un luogo da loro designato o designato a tale scopo. Se l'albergatore non riesce a fornire la prova, l'albergatore è responsabile per colpa sua o delle sue persone, nonché delle persone in entrata e in uscita. L'albergatore è responsabile ai sensi dell'articolo 970, comma 1, del codice civile austriaco fino all'importo stabilito dalla legge federale del 16 novembre 1921 sulla responsabilità degli albergatori e di altri imprenditori nella versione attualmente applicabile. Se il partner contrattuale o l'ospite non soddisfano immediatamente la richiesta dell'albergatore di depositare i propri oggetti in un luogo di deposito speciale, l'albergatore è esonerato da qualsiasi responsabilità. L'importo di qualsiasi responsabilità dell'albergatore è limitato a un massimo della somma dell'assicurazione di responsabilità civile del rispettivo albergatore. Qualsiasi colpa da parte del partner contrattuale o dell'ospite deve essere presa in considerazione.
11.2 L'albergatore non è responsabile per negligenza lieve. Se il partner contrattuale è un imprenditore, è esclusa anche la responsabilità per colpa grave. In tal caso, l'onere della prova dell'esistenza del vizio è a carico della parte contraente. I danni consequenziali o indiretti, così come la perdita di profitti, non saranno in nessun caso sostituiti.
11.3 L'albergatore è responsabile solo per valori, denaro e titoli fino all'importo attuale di € 550. L'albergatore è responsabile di eventuali ulteriori danni solo nel caso in cui abbia accettato questi oggetti per la custodia con consapevolezza della loro natura o nel caso in cui il danno sia stato causato da lui stesso o da una delle sue persone. La limitazione di responsabilità secondo 12.1 e 12.2 si applica di conseguenza.
11.4 L'albergatore può rifiutarsi di custodire oggetti di valore, denaro e titoli se gli oggetti sono notevolmente più preziosi di quelli degli ospiti della struttura ricettiva interessata.
11.5 In ogni caso di deposito presunto, la responsabilità è esclusa se il partner contrattuale e/o l'ospite non informano l'albergatore del danno subito dopo esserne venuto a conoscenza. Inoltre, queste pretese devono essere fatte valere in tribunale entro tre anni dalla conoscenza o dalla possibile conoscenza da parte del partner contrattuale o dell'ospite; in caso contrario il diritto decade.

§ Limitazioni di responsabilità 12

12.1 Se il partner contrattuale è un consumatore, è esclusa la responsabilità dell'albergatore per colpa lieve, ad eccezione di lesioni personali.
12.2 Se il partner contrattuale è un imprenditore, l'albergatore non è responsabile per negligenza lieve e grave. In tal caso, l'onere della prova dell'esistenza del vizio è a carico della parte contraente. I danni consequenziali, immateriali o indiretti, nonché il mancato guadagno non verranno sostituiti. In ogni caso, il danno da risarcire trova il suo limite nell'importo degli interessi fiduciari.

§ 13 zootecnia

13.1 Gli animali possono essere introdotti nella struttura ricettiva solo previo consenso dell'albergatore e, se necessario, dietro pagamento di una tariffa speciale.
13.2 Il partner contrattuale che porta con sé un animale è obbligato a custodire o sorvegliare adeguatamente questo animale durante il suo soggiorno o a farlo custodire o sorvegliare a proprie spese da terzi idonei.
13.3 Il partner contrattuale o l'ospite che porta con sé un animale deve disporre di un'assicurazione di responsabilità civile per animali adeguata o di un'assicurazione di responsabilità civile privata che copra anche eventuali danni causati da animali. La prova dell'assicurazione corrispondente deve essere fornita su richiesta dell'albergatore.
13.4 Il partner contrattuale o il suo assicuratore sono solidalmente responsabili nei confronti dell'albergatore per i danni causati da animali trasportati. Il danno comprende, in particolare, anche quei servizi di risarcimento da parte dell'albergatore che l'albergatore deve fornire a terzi.
13.5 Gli animali non sono ammessi nei saloni, nelle sale comuni, nelle sale ristorante e nelle aree benessere.

§ Estensione 14 dell'alloggio

14.1 Il partner contrattuale non ha diritto alla proroga del soggiorno. Se il partner contrattuale annuncia in tempo utile la sua volontà di prolungare il soggiorno, l'albergatore può acconsentire alla proroga del contratto di alloggio. L'albergatore non è obbligato a farlo.
14.2 Se il partner contrattuale non può lasciare la struttura ricettiva il giorno della partenza perché circostanze eccezionali imprevedibili (ad es. nevicate estreme, inondazioni, ecc.) hanno bloccato tutte le possibilità di partenza o non possono essere utilizzate, il contratto di alloggio viene automaticamente prorogato per la durata del l'impossibilità della partenza. Una riduzione della tariffa per questo periodo è possibile solo se il partner contrattuale non può utilizzare completamente i servizi offerti dall'albergatore a causa delle eccezionali condizioni meteorologiche. L'albergatore ha il diritto di richiedere almeno la tariffa che corrisponde al prezzo normalmente praticato in bassa stagione.

§ Risoluzione 15 del contratto di alloggio - Scioglimento anticipato

15.1 Se il contratto di alloggio è stato concluso per un periodo determinato, termina alla scadenza del tempo.
15.2 In caso di partenza anticipata del partner contrattuale, l'albergatore ha il diritto di richiedere l'intero importo concordato. L'albergatore detrarrà quanto risparmia per non aver utilizzato la sua gamma di servizi o quanto ricevuto affittando a terzi le camere ordinate. C'è un risparmio solo se la struttura ricettiva è completamente utilizzata al momento del non utilizzo delle camere ordinate dall'ospite e le camere possono essere affittate ad altri ospiti a causa di disdetta del partner contrattuale. Il contraente ha l'onere della prova del risparmio.
15.3 Il contratto con l'albergatore termina con la morte di un ospite
15.4 Se il contratto di alloggio è stato concluso a tempo indeterminato, le parti contraenti possono sciogliere il contratto entro le ore 10.00 del terzo giorno prima della scadenza prevista del contratto.
15.5 L'albergatore ha il diritto di disdire il contratto di alloggio con effetto immediato per un motivo importante, in particolare se il partner contrattuale o l'ospite
a) fa un uso significativamente svantaggioso dei locali o, con il suo comportamento sconsiderato, offensivo o comunque gravemente scorretto, vizia gli altri ospiti, il proprietario, le sue persone o i terzi che vivono nella struttura ricettiva dalla convivenza o agisce contro queste persone con un atto punibile colpevole di proprietà, moralità o sicurezza fisica;
b) è attaccato da una malattia infettiva o da una malattia che si protragga oltre il periodo di ricovero o che richieda comunque cure;
c) non paga le fatture presentate quando sono dovute entro un termine ragionevole (3 giorni).
15.6 Se l'adempimento del contratto diventa impossibile a causa di un evento considerato di forza maggiore (ad es. forza maggiore, sciopero, serrata, ordini ufficiali, ecc.), l'albergatore può sciogliere il contratto di alloggio in qualsiasi momento senza osservare un termine di preavviso, sempre che il contratto non si consideri già sciolto ai sensi di legge, o l'albergatore sia esonerato dall'obbligo di fornire l'alloggio. Sono escluse richieste di risarcimento danni ecc. da parte del partner contrattuale.

§ 16 Malattia o morte dell'ospite

16.1 Se un ospite si ammala durante il soggiorno nella struttura ricettiva, l'albergatore fornisce cure mediche su richiesta dell'ospite. In caso di pericolo imminente, l'albergatore provvederà all'assistenza medica anche senza richiesta speciale dell'ospite, soprattutto se ciò è necessario e l'ospite non è in grado di farlo da solo.
16.2 Se l'ospite non è in grado di prendere decisioni o se i suoi parenti non possono essere contattati, l'albergatore provvederà a cure mediche a spese dell'ospite. La portata di queste misure di cura termina nel momento in cui l'ospite può prendere decisioni o i parenti sono stati informati della malattia.
16.3 L'albergatore ha pretese di risarcimento nei confronti del partner contrattuale e dell'ospite o, in caso di decesso, nei confronti dei loro successori legali, in particolare per i seguenti costi:
a) Spese mediche aperte, spese per il trasporto del paziente, farmaci e ausili medici
b) disinfezione degli ambienti che si è resa necessaria,
c) biancheria, lenzuola e suppellettili divenute inutilizzabili, altrimenti per la disinfezione o la pulizia accurata di tutti questi oggetti,
d) restauro di pareti, arredi, tappeti, ecc., nella misura in cui questi siano stati contaminati o danneggiati in relazione alla malattia o al decesso,
e) Affitto delle stanze, a condizione che l'ospite abbia utilizzato i locali, più eventuali giorni di inagibilità delle stanze a causa di disinfezione, evacuazione o simili,
f) ogni altro danno subito dall'albergatore.

§ 17 Luogo di esecuzione, giurisdizione e scelta della legge

17.1 Il luogo di adempimento è il luogo in cui si trova la struttura ricettiva.
17.2 Il presente contratto è soggetto al diritto formale e sostanziale austriaco con esclusione delle norme del diritto internazionale privato (in particolare IPRG e EVÜ) nonché del diritto delle vendite delle Nazioni Unite.
17.3 Nelle transazioni commerciali bilaterali, il foro competente esclusivo è il domicilio dell'albergatore, per cui l'albergatore ha anche il diritto di far valere i propri diritti presso qualsiasi altro tribunale locale e di fatto competente.
17.4 Se il contratto di alloggio è stato concluso con un partner contrattuale che è un consumatore e ha la sua residenza o dimora abituale in Austria, le azioni legali contro il consumatore possono essere intentate solo nel luogo di residenza, dimora abituale o luogo di lavoro del consumatore.
17.5 Se il contratto di alloggio è stato stipulato con un partner contrattuale che è un consumatore e ha la sua residenza in uno stato membro dell'Unione Europea (ad eccezione di Austria), Islanda, Norvegia o Svizzera, questo è locale e di fatto per il è competente in via esclusiva il luogo di residenza del consumatore per le cause contro il foro competente per il consumatore.

§ 18 Varie

18.1 A meno che le disposizioni di cui sopra non prevedano nulla di speciale, il decorso di un termine inizia con la consegna del documento che ordina il periodo al partner contrattuale, che deve rispettare il termine. Nel calcolo di un termine, che è determinato da giorni, non è incluso il giorno in cui si verifica il momento o l'evento, in base al quale dovrebbe basarsi l'inizio del termine. Le scadenze determinate per settimane o mesi si riferiscono a quei giorni della settimana o del mese che, per nome o numero, corrispondono al giorno a partire dal quale il termine deve essere computato. Se questo giorno manca nel mese, è decisivo l'ultimo giorno di questo mese.
18.2 Le dichiarazioni devono pervenire all'altro partner contrattuale l'ultimo giorno del termine (mezzanotte).
18.3 L'albergatore ha il diritto di compensare i propri crediti con i crediti del partner contrattuale. Il partner contrattuale non ha il diritto di compensare i propri crediti con crediti dell'albergatore, a meno che l'albergatore non sia insolvente o il credito del partner contrattuale sia stato determinato da un tribunale o riconosciuto dall'albergatore. 18.4 In caso di lacune, si applicano le disposizioni di legge pertinenti.